mercoledì 27 aprile 2011

La "distrazione" della ragione

Si dice che "il sonno della ragione genera mostri"(Goya docet). E' altrettanto plausibile che l'ozio della ragione generi immobilità nel progresso. E' certo che la distrazione della ragione e del pensiero permettano a chi ha il Potere di conservarlo, e di fare di esso ciò che vuole.
Non c'è niente di più pericoloso di una testa che pensa. E per evitare che succeda bisogna fare in modo che non ci si fermi troppo tempo su una notizia importante.


Nel corso dell’ultimo mese è accaduto praticamente di tutto, dalla tragedia di Fukushima alla guerra imperialista in terra di Libia, passando attraverso l’efferato assassinio di Vittorio Arrigoni, gli sbarchi di massa dei profughi tunisini ed il continuo acuirsi della crisi economica di cui non s’intravvede la fine, probabilmente perché connaturata nel decesso definitivo del modello di sviluppo al quale siamo aggrappati. Solo per citare gli avvenimenti più eclatanti fra quelli che meritano attenzione...


Tutti accadimenti di grossa rilevanza, perché in grado di condizionare il nostro presente ed il nostro futuro, la nostra salute e quella dei figli che abbiamo,o che verranno. La possibilità di vivere in pace almeno una parte dei giorni che ci restano, l’aspirazione a poter rimanere uomini liberi che portano avanti le proprie idee, senza venire ammazzati da una mano nascosta nell’ombra. La capacità di ricostruire una società dove la vita, il lavoro ed i rapporti umani siano elementi declinati in chiave di arricchimento, anziché rappresentare incubi all’interno dei quali lasciarsi vivere senza una prospettiva.

Tutti accadimenti balzati sulle prime pagine dei giornali e della TV, nel momento in cui la “notizia” poteva essere monetizzata in termini di lettori ed ascoltatori, ma prontamente accantonati non appena la stessa imponeva approfondimenti e riflessioni che avrebbero indotto l’opinione pubblica a porsi delle domande, a mettere in moto le cellule grigie in via di atrofizzazione, a guardarsi intorno per domandarsi, guarda un po’ sulla cartina, ma abbiamo preso la strada giusta?





Accantonati, diluiti, nascosti. Metri cubi e metri cubi di notizie spazzatura intorno alle quali catalizzare l’attenzione dei cittadini, indurli a profondersi in dispute senza fine imperniate sul nulla, ipnotizzarli con la facile demagogia del divide et impera, fuorviarli ricordando loro che in fondo "non pensando troppo si vive più a lungo", e soprattutto più felici.

Ed ecco Fukushima e la guerra di Libia, sprofondare sempre più in basso sulle pagine dei giornali, fino a scomparire o rimanere relegati nei trafiletti “cartolina” per fare spazio al nuovo look di Ruby o alle tette di Belen, alle quotidiane esternazioni di Berlusconi contro i giudici e dei giudici contro Berlusconi, alle invettive di Fini che litiga con i suoi ex compagni di partito, alla modifica dell’art.1 di una Costituzione calpestata tutti i giorni dell’anno e ormai “superata” dal Trattato di Lisbona, senza che nessuno abbia avuto nulla da eccepire. Alle mirabolanti funzioni dei nuovi smartphone ed ai manifesti che qualche imbecille ha appiccicato in giro per Milano; alla fiera del pregiudicato fra i candidati del PD e del PDL per le prossime elezioni, alle parole di Bersani che offendono il silenzio, ed ai comizi del premier che l’hanno offeso da tempo.

...Accapigliatevi pure, litigatevi il nulla, dividetevi in fazioni e in fazioni delle fazioni, sbirciate la prosperosa maggiorata di turno, sognate la nuova fuoriserie da 500 cv con felicità incorporata di serie. Ma soprattutto non pensate, non riflettete, non carezzate parti inesplorate del cervello, quello sì, potrebbe nuocere gravemente alla vostra salute, ben più di quel poco di radioattività che"tanto neppure si vede".











Nessun commento:

Posta un commento